Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 240
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0248
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0248
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T

T E R E

2^0

D E L C O IVTE

ALGAROTTX

XVII.

Di villa 17. agosto 1 j54*

IL titolo di cui io sarò sempre geloso so-
pra di ogni altro * è quello di ainico suo,
e farò sempre per quanto sarà in me di
Jneritarlo * A quello di amico aggiugnerò
malgrado la sua modestia anche quello di
suo ainmiratore < Dico la sua modestia ,
benchè con altro nome sarebbe da quali-
Lcare cotesta sua ritrosia in dar fuori co-
se scritte da lei, e approvate da Un Fran*
cesco Zanotti. Io mi leverei iu superbia ,
e crederei di avere un grandissimo meri-
to dinanzi al pubblico , se le inie esorta-
zioni s mi lasci anche dire i iniei rimpro*
veri, valessero a far sì ch’ella non lo de-
fraudasse di tanti bei frutti del rarissimo
suo ingegno « Tanto più ch’ elia può con

le
loading ...