Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 242
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0250
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0250
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2^2 L E T T E R E

glio (se il mio detto non è troppo super-
bo ) di N. S. Quello adunque che io ave-
va accennato a S. M. glielo ho piu chiara-
mente espressoj e le ho ultimamente scrit-
to nel miglior modo che ho potuto , per-
chè si degni concedermi assolutamente li-
cenza che io possa continuare a vivere in
Italia , e di breve ne aspetto la risposta .
La prego rnettermi a’ santissimi piedi, e
metterci insieme l’altissima mia ammira-
zione pel più dotto Vicario di Dio che
abbia seduto nella cattedra di san Pietro,
e la vivissima mia gratitudine che da sì
altissimo luogo egli si degni mirare sino
all’umilissima mia persona . Ella mi con-
servi la preziosissima sua amicizia , e mi
creda quale pieno di stima e di tenerezza
mi pregio sempre di essere.

VrO + O'*?

•*o*
loading ...