Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 249
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0257
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0257
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite<

249

DEL MEDESIMO

XX.

T enczia 10. aprile 1756.

I\.icevo nuovi testimonj cìella sua amici-
zia nella lettera di che mi onora V. S. L
in data de’ i4- Nè le posso abbastanza di-
re con quanto mio piacere la stima , che
io ho sempre avuta grandissima per la sua
dottrina, per li rari suoi talenti e la som-
ma gentilezza delle sue maniere , si trovi
ora più. che mai congiunta nel mio animo
con la più tenera gratitudine. Ben ella può
credere quanto io aspiri di vederla e di
mettermi a’ santissimi piedi di Nostro Si-
gnore. E con la miglior stagione ciò si fa-
rà senza dubbio . Vorrei portar meco co-
stà e comunicar con lei un’operetta degna
in certo modo di Pioina . Questa sarà un
saggio contro gli Spiriti Forti * de’ quali ?
colpa le tante moderne stampe, troppo ab-

bonda
loading ...