Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 252
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0260
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0260
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2,5z L E T T E R E

V. S. Illustrissima ; quantunque questi ar-
chitetti ed antiquarj ( gente per lo più su-
perba e sprezzante) non mostrino di farne
gran conto per la doyizia nella quale pre-
tendon di essere di eccellenti lavori del-
lo stesso ordine e della stessa maniera,
senza voler riHettere che l’avanzo del cor-
nicione di Pola è il monumento più an-
tico , dal quale avrranno poi presa regola
e modello gli aìtri che si son formati di-
poi. Dissi a N. S. ch' ella nelle sue ulti-
me lettere non ini parlava più del viaggio
diPioma. S. B. mi rispose: Scrivetegli che
o venga o mandi : interpreto che voglia
dire qualche bel srutto dei suo nobile in-
gegno . Altro non mi resta di aggiungere,
se non che manifestarle il vivissimo desi-
derio in cui sono di veder presto condot-
ta a fìne l’opera da lei divisata contro gli
Spiriti JForti, nella quale . se non la mate-
ria avrà senza dubbio gran merito la no-
vità dei metodo , e la grazia e la forza
del suo discorso. Ella mi creda con rispet-
to immutabile.
loading ...