Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 255
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0263
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0263
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite.*

s55

DEL MEDESIMO

XXIII.

Bologna, i5. settembre iy56.

Egli è da lungo tempo che io devo vi-
vamente ringraziarla del prezioso dono, di
che ella ha voluto farmi parte. Gon gran-
d.issimo mio diletto e profitto ho letto le
bellissime sue rime; nelle quali ho ammi-
rato quella eleganza e quella facilità, di
che Apollo le è stato largo . Io riporrò
nella picciola mia biblioteca questo suo li-
bro tra quelli che sono degni del cedro ,
e tra i pochissimi che fanno onore a que-
sto nostro secolo. Io me la fo colle muse
e cogli amici qui in Bologna, intanto che
il mondo arde di guerra ; e me la farei
molto meglio, se avessi modo di poterl©
testimoniare quella viva amicizia o quella
perfetta stima con cui ho l’onore di raf-
fermarmi,
loading ...