Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 263
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0271
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0271
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ì N E D 3 T E .

263

BENEDICTUS PP. XIV.

Dilecte Fili, Salutem et Apostolicam
Beuedictionem.

II.

J\.iceviamo una sua lettera dei 28'. di no-.
vembre unitamente col libro deiDialogbi.
Ilxngraziamo del regalo, assicurandola che
leggeremo il libro quando potremo, aven-
do noi piena cognizione del merito dell’au-
tore , che si può dire allievo di Bologna .
Restiamo poi confusi delle benigne espres-
sioni inserite nella lettera, che risguarda-
no la nostra persona. Facciamo quello che
possiamo: ma perchè poco possiamo, poco
Dcciamo . Non scriviamo inai lettera che
capiti in coteste parti, nella quale non in-
seriamo gli attestati della nostra stima e
rispetto che abbiamo a cotesto Monarca,
che rinuova le memorie di Giulio Cesare,
accoppiando il valore dell’armi ad una ri-
Pt 4 guar-
loading ...