Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 277
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0285
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0285
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . 277

se a noi cedevano, di primeggiare sull’ar-
ti : nè alcuno può farlo meglio di lei, ia
cui e immensa erudizione , e raro e dili-
cato conosciinento della pittura vanno in-
sieme accoppiati .

Io di quel poco di tempo che resta a
me libero, ne dispongo per dar coinpimen-
to alla traduzione del Cesare di Voltaire,
di cui già ne è terminato il primo atto ,
non senza fatica, e per cui è interrotta
una idea di un filosofìco poemetto sopra
le coraete , che aveva incoininciata ad ese-
guire. Sono col più sincero sentimento di
stima.

*



S 3
loading ...