Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 278
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0286
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0286
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2 7$

L E T T E R E

II.

Reggio 5o. viarzo 17^9.

N oat niancherò nel ventnro ordinario di
spedire a V. S. I. intero l’estratto dell’ope-
ra del marchese di Argens, acciocchè ella
possa vieppiù per esso rilevare quanto in-
giusto sia verso l’Italia il giudizio di quel-
lo scrittore. Ho ridotta a termine la tra-
duzione del Cesare di Voltaire; ma vi man-
ca l’ultirna mano, la quale non ho potuto
darle a cagione di alcune nojose occupa-
zioni, che in questi dì mi rubbano il mi-
glior tempo. Avrò piacer sommo, e gran-
de obbligazione mi correrà con V. S. I. ,
se per rnezzo suo giungerà il mio nome
all’occhio di quel sovrano poeta ; i cui Iui-
gi , coine ella dice gentilmente, saranno
cambiati ne’ nostri scudi di bassa lega, e
però temo forse che non abbia a dir del
suo Cesare vedentìo il mio : quanturn mu-
tatus ab illo ! Ma veramente le tradu-
zioni del verso francese sono assai malage-

voli,
loading ...