Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 293
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0301
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0301
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D 1 T E .

VIII.

à93

jìeggio 5o. gennajo 1760.

C^)uanto debito ini corre con Y. S. I. ,
se col gentil dono del libro suo mi ha ac-
celerato il piacere di leggerlo e di gustar-
lo ! Io già con molta sollecitudine l’ho di-
Vorato leggendo , per poi lentamente assa-
porarlo con matura riflessione . Io non por-
terò giudizio sopra materie, nelle qxiali non
sono versato, pure per la chiarezza con cui
sono trattate , posso arditamente vantarmi
di essere entrato neli’anima del soggetto %
e però non lascierò di dire, che sono ri~
inasto interamente persuaso del di lei as-
sunto , e tengo per fermo che la sostanza
della guerra sia la stessa oggi giorno, che
al tempo de’Romani, e che poco differi-r
sca il modo ; ma tale opinione è veramen-
te di que’paradossi, che rendono convinti
gli uomini di buon senno , e spaventano
gli sciocchi. Perciocchè se alcuno al dì d'
oggi paragona il re di Prussia con Anniba-j

T 3 le,
loading ...