Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 297
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0305
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0305
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .

297

IX.

Reggio 8, febbrajo 1760,

^iccome V. S. I. m’ impone, così ho fat»
to col sig. conte maresciallo Gazola, por-
tandoli i di lei compliinenti, e mostrando-
gli pure gli stessissimi termini della sua
lettera; del che per parte dello stesso nxil-
le ringraziamenti le rimando , Ella ìo ve-
drà in persona nel suo ritorno . Frattanto
io le darò quella contezza che ella ini chie-
de del di lui libro su le antichità di Pe-
sto , Egli di realtà lo va componendo , e
già ne iia fatto intagliare alcuno deirami.
Le antichità consistono in due tempj, uno
grande e l’altro picciolo, ambedue Dorici
e benissimo conservati ; ed io mi maravi-
glio al sommo cheVitruvio, il quale con-
siglia di andare ad Atene coloro che sono
desiderosi di vedere un beì Dorico , siasi
dimenticato di Pesto , Però il signor con-
te Gazola sarà molto utile alla repubblica

let-
loading ...