Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 303
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0311
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0311
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ì^EDITE.' 3o3

clisavventura. Quanclo ciò fosse, io la pre-
go instanteinente a fare sì che io non ne
sosfra danno ; e clie non mi sia tolto ua
tal contento . Sarà doppia noja per ”V. S. I.,
ma nella clisgi’azia comune è giusto che a
lei ne tocchi una porzione .

10 sono afsaticato intorno alle nozze del-
la reale principessa di Parma . Aveva co-
minciato un canto in ottava rima ; ma la
ristrettezza del tempo , e la lunghezza a
cui cjuel metro mi conduceva, rni hanno
fatto cangiare Pidea primaraente divisata ,
e mi sono appigliato allo sciolto .

11 padre Calogerà mi fa premura di som-
ministrargli materiali pel suo giornale let-
terario . Io sono in una città dove non al-
tro si stampa che gli editti del governato-
re, i calendarj clel vescovo ; però poche
notizie posso aggiungere alla storia lettera-
ria : pure converrà che vada cercando qual-
che bagateìla da compire il soglio. Se tro-
verò un argomento opportuno, mi prende-
rò la libertà d’ indirizzarle una lettera .
Ma in tali cose non vi è maggior diffìcol-
tà che il rinvenirne il soggetto . Se ciò mi
verrà fatto, maggiormente farò palese agli

oc-
loading ...