Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 309
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0317
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0317
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. Sog

putazione che non era per toccarmi, se la
raccolta giungeva al suo line. E qualora i
miei versi stessero eterno deposito del for-
ziere, non ne sofsrirebbe punto di danno
il genio delle lettere italiane .

La iiera presente non rni è soltanto og-
getto di divertimento, ma pur anche mi
è stata motivo di occupazione ; perciocchè
ho dovuto farmi direttore delio spettacolo
deli’opera nostra, per ubbidire chi pregan-
domi mi comanda . Ho ottenuto ne’ balli
una compiacenza, la quale sion reputo ieg-
giera , ed è che saranno questi tutti pan-
tomimici, rappresentanti l’uno la Conqui-
sta del Vello d’oro, e l’altro la Caccia dt
Calidonia.

II dramma poi non avrà in sè cosa par-
ticoiare quanto alia decorazione ; ma non
gìi mancherà il condimento della buona
musica e degii attori, fra’ quali a parer
mio assai si distingue ìa signora Parigi. e
il Veroli, e il Bertolotti tenore . Stimerò
di avere operato oon frutto, qualora verrò
degnato di uno spettatore così clegrio qual
sarebbe V. S. Illustrissiraa. Stimo che la
di lei buona salute permetterà ìl viaggio

V 3 di
loading ...