Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 316
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0324
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0324
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5l6 L E T T E R. E

II giudizio di Y. S. I. mi sarà un ora-
colo, a cui si conformerà il destino della
mia tragedia . Non so negare di non ave-
re alcuna picciola parzialità per quel com*
ponimento, ma non lascio però di confes-
sare che essendo stato il priino , non ho
trovata la materia del tutto docile all’in-
tenzione dell’arte.

La lettera che V. S. I. ha scritto al si-
gnor marchese Manara , &e non erro, so-
pra lo stile di Dante, è bellissima, e va-
le per un’ intera apologia. Ella raccoglie
opportunamente i più bei fìori delle lin-
gue, e ne compone un mele oraziano .

L’onore che ella fa a’oiei versi sciolti
m’ insuperbirebbe , se non mi fosse nota
la sua gentilezza. L’ ab. Frugoni sono po-
chi giorni è qui stato dipassaggio. Benchè
non abbia gran fatto di che lodarmi del
suo operare, e della maniera con cui egli
ha usato meco, non ho lasciato di prestar-
gli quella servitù che ho potuto , ed egli
in compenso mi ha fatti sentire i sospiri
suoi amorosi, e gli effetti di quella fìam-
ma, che gli riscalda le membra ottuage-
narie.

lo
loading ...