Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 331
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0339
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0339
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E 531

£a indegno della corona ond’ ella vuol cin-
germi, difsicil premio delle dotte fronti.
Io mi servo del mezzo del signor Meratti
mio zio per farle pervenire i miei ringra-
ziamenti , mezzo per cui mi pervennero
dapprima i suoi favori. Egli dia al mio sti-
le quella energia, che dovrebbe pur dargli
la mia riconoscenza. Io non le aggiungerò
altro, se non se ch’essendo io, come pur
sono, affatto suo, ad altro non aspiro che
a farglielo in alcuna maniera sentire, e a
rinvenire alcuna per me fortunata occasio-
ne, la cui mercè io possa dimostrarle a
quanto onore io rechi il dirmi colla più
profonda stima e gratitudine .

P. S. L’ averle trasmesse, alcune setti-
mane sono , le mie prime lettere intorno
alCaro, fa ch’ io mi prenda ora la ìibertà
di trasmetterle aiache queste ; il che io non
avrei fatto nè di queste nè di quelle, se
avessi voluto riguardare alla levità dell’ar-
gomento , ed alla prosondità , ed estensio-
ne dell’erudizione sua . Mi basterà che que-
ste lettere, quali esse si sieno, possano es-
serle testimonio di quella somma gratitudi-
ne, e di quella osservanza, con cui ho l’
enore d’essere»
loading ...