Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 342
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0350
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0350
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
34.2 L E T T E R E

si sa di lingua italiana . Le afsettazioni
nell’ espressione , i molti passi di verso e
di prosa inseritivi di varj autori giovano a
nobilitare la materia, ond’ abbia corrispon-
denza all’afsettata coltura di chi vuol com-
parire nel regno d’Amore, e far preda de’
cuori. JNTon saprei coine criticarla , ben per-
suaso che certe cose che meno piaceranno
ad alcuni clilicati, vi sieno ad arte inseri-
te per colpire il costume . È credibiìe che
alla distinzione fatta da Amore alle tre so-
le, Inghilterra Francia edltalia, niuna in-
vidia abbiano gli altri stati d’Europa quivi
omessi. A me è paruto di far viaggio leg-
gendo i discorsi clelle prime due; sì al vi-
vo rappresentano il lor costume totalmen-
te fra loro opposto , Gran ilgura , e più
che di donna si fa fare all’Italia, e grand’
intreccio di le°;£Ì bizzarre, ma vere al ca-
so , si fa produrre da Ainore . Certa parti-
colar cognizione delìe cose ed espressioni
e costumi oltramontani mi fa credere ch’
ella possa esserne stato l’autore leggiadro.
Su tale supposto io mi disporrò a farne no-
ta nelle notizie pregiate della sua vita , quan-
do null’altro eiia mi scriva in contrario .

Qui
loading ...