Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 344
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0352
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0352
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
344 L E T T E R E

D’ un favore sono a pregarla , ma nora
vorrei comparire troppo temerario; pur ho
tanto clJ uopo di lei che non posso esimer-
mene . Sono molti anni ch’iò vado racco-
gliendo medaglie d' uomini illustri in lette-
ratura, e già ne avrò da seicento. Di ol-
tramontani ne ho pochissime, se si eccet-
tuino quelle coniate dal padre e fìgliuolo
Dacier in Ginevra e in Lonclra . JNiuno
meglio di lei può accrescere la mia rac-
colta. Di Tedeschi non ne ho quasi alcu-
na, fuori degli eretici più celebri che ten-
§°- Papi non cerco, perchè fcrmano una
serie a parte che non curo. Agevole mi
sarà rimborsarla di quanto sarà per ispen-
dere . Mi manca fra le altre qtcella di
Erasmo . Per non incontrar in alcuue che
tengo , il raeglio sarebbe di avVisarmi di
quelle che trovasse, e dell’ultimo prezzo lo-
ro . Co’suoi aruici ella può far miracoli.
Perdoni la confidenza, e mi creda tutto ec.
loading ...