Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 347
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0355
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0355
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
1 N E D I T E .

M 7

D E L M E D E S I M O
IX.

/

Venezia 2. aprilc j 7 51.

C3ui imita le trasmetto una lettera a lei
indirizzata , la quale , se ella il consente ,
uscirà in luce quanto prima con altre mie
cosette . Almeho essa potrà far fede della
mia gratitudine verso di lei e delia stirna
infinita, in cui io tengo il raro suo sape-
re . Spero che dà qui a non molto ella
avrà riscontri della giustizia, che si rende-
rà ne’ giornali di Germania alia belìa ope-
ra sua , che fa tanto onore ail’ Italia , ed
alie lettere . JNTon so se sosse per essere
troppo ardita una preghiera., che son per
farle. Io sono divotissimo di rnesser Luigi
Cornaro , a’ cui precetti intorno aiia vita
sobria io debbo la saiute di che godo pre-
sentemente; la quale se non è sermissima,
è airaeno taie , che pur ne debbo esser

con-
loading ...