Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 349
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0357
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0357
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite.-

34 9

DEL MEDESIMO

X.

Bologna 20. lugìio 1756,

Se mai ho dovuto levarmi in superbia ,
egli è ora che sono fortunato di tanto da
aver trovato nella persona di lei , signor
conte , sì chiara tromba . Io le ne rendo
quelle grazie, che so e posso maggiori ;
alle quali si aggiungono anche quelle ch’io
le debbo pel dono del libro , di che ella
ha voluto essermi cortese. Non mancherò
di ubbidirla, acciocchè una si bella opera,
e che fa tanto onore all’Italia, sia cono-
sciuta in Germania, e per tutto là dove
si ha gusto di buone lettere .

Intanto poichè ella vuol pur credere che
le mie nugce sieno aliquid, riceva anche
questa con la solita sua benignità. Non co-
sx però che io non desideri sommamente
sentirne il yero giudizio suo, che sarà nor-

ma
loading ...