Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 378
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0386
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0386
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5y8 L E T T E R E

ti nou è che degli uomini grandi. Io em-
pierei ancora questa pagina; ma sono chia-
rnato dalla campana a coro . Ho princi-
piato a scrivere questa albescente Ccelo , ©
non potendo tornare dopo il coro a casa,
pranzando fuori, la termino adesso e la si-
gillo. Vale ec.

•k k O k CO k CO k CjO k CO CO^ CO k CO 'Ar O Q "A- CO ^

IV.

Roma 26. luglio 1758.

Jeri mattina andai a monte Cavallo per
servire S. S. e trovai sul bancone, dove si
sogliono mettere tutte le altre lettere dei
Palatini, la vostra dei i/\., la quale vi era
verisimilmente iin dairaltro ordinario . Io
già aveva saputo dal signor abate Scarselli,
voi essere in Venezia, e me lo confermò
in una sua il signor marchese Grassi. La
incertezza mia del soggiorno vostro, se in
Venezia, se in Padoya, se in Bologna, ha
fatto, che ayrete inteso da ogni altro che

da
loading ...