Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 388
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0396
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0396
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
$8$ L E T T E R E

qual senatore, che cacciato in esilio, vi-
vendo in Sicilia del raestiere di retore prce-
fationibus fortunam suam ulciscebatur.

-k O + 0*0 * O* O * O * 0*0* 0*0*0 * o *

VI.

Roma 19. decembre ij5g.

-Ambidue noi crediamo d’essere stati, voi
1 ultimo a scrivere a me, io l’ultimo a
scrivere a voi . Ho ricercato più volte le
notizie della persona vostra, e non ho sa-
puto altro, che praticando voi qualche vol-
ta di ritirarvi dai commercio umano, for-
se quello era un tempo di tali vostri riti-
ri; onde non ho voluto disturbarvi, suppo-
nendo, che sì fatti tempi sieno da voi con-
secrati alle muse .

La vostra lettera poi, della quale mi par-
late, non rai è pervenuta : mi vidi bensx
osfrirsi alla vista sul tavolino le vostre let-
tere in versi, le quali i iniei domestici non
seppero dirini chi l’avesse portate. Ma io

co-
loading ...