Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 405
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0413
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0413
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite»

4o5

X.

Pioma i5. novembre 1760.

Eccoc, ritornati a scuola , e mi stà ver,
mente bene, ch’essendomi portato da ra-
gazzo in campagna, provi adesso tutti que'
rincrescimenti, chesentono iragazzi, quan-
do lor conviene, terminate le vacanze, ri-
pigliare gli studj. Io ebbi sul primo un for-
te desiderio difare, come vi scrissi, quel-
la vita presso a poco dal Berni graziosainen-
te descritta nel suo Orlando : poi mi pas-
sò quel sentimento, e prossimo al partire
di Roma mi venne la sinania di ripigliare
qualche buona lettura da me forzatamente
intermessa, e andava mettendo insieme va-
rj libri per passar con essi il tempo a Fra-
scati, nè mi parve mai tempo per lungo
che sia , di tanta durata, quanto que’tre,
o quattro giorni, che restavano a partire :
O rus, diceva io, quando ego te aspiciam ?

G c 5

quan-
loading ...