Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 407
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0415
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0415
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 4°7

a leggere ancora ad un giovane che con-
yive meco ; e che appunto studia attual-
raente gli scritti d’Orazio . Yi sono cento
belle cose, che facilitano l’ intelligenza di
quel poeta ; e si vede bene con quanta con-
siderazione voi lo avete letto e riletto. Non
dubito che incontrerà l’approvazione degli
uomini di buon gusto .

Io vorrei terminar il lavoro tante volte
interrotto sul comentario greco di Filone
Carpazio, o di s. Epifanio, o di altro au-
tore che sia sulla Cantica. II maggior tra-
vaglio consiste nel purgare il testo guasto
da tanti errori, de’quali sono pieni non
solo il codice mio, ina ancora tutti gli al-
tri codici, che ho consultato . Ma quello
che più mi pesa si è, che vi ho impiega-
to, e rai bisogna ancora iinpiegarvi un’enor-
me fatica , e dall’altra parte non vi è il
pregio dell’opera. Quanto meglio sarebb©
stato che io avessi faticato al comentario
del Teeteto diPlatone, dialogo assai disfìci-
le, nel quale ho restituito alcune lezioni,
ed ho spiegato molti passi non intesi nè
dal Ficino , nè dal Serrano, uno fra gli al-
tri, dove accenna quel fìlosofo le quantità

C c 4

asira-
loading ...