Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 424
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0432
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0432
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
424

L E T T E R E

XIII.

Roma 6. maggio 1761.

Vox mi avete scritto più volte in questi
ultimimesi, ma sempre brevemente . L’ul-
tima vostra è ancora brevissima ; non cosi
però, che non vi facciate intendere, quan-
to avreste potuto fare con lunga querimo-
nia , d’essere alquanto disgustato del mio
silenzio . Io sono dispostissinio a darvi ra*
gione sotto la condizione, che non mi dia-
te il torto * Ecco (direte Voi ) una di quel-
le proposizioni oxymore , che imparano in
corte gli scaltri cortigiani , i quali trovan-
dosi stretti, con una di quelle, tamquam
anguillce, manu elabuntur. Eppure la pro-
posizione non ha niente di ripugnante .
Voi avete ragione di dolervi di non aver
ricevuto risposta a tre , o quattro lettere ,
le quali accompagnando alcune vostre bre-
vi operette, masolide, e che fanno segno
della vostra buona mente, meritavano an-
cor più una pronta risposta . Ma io non

ho
loading ...