Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 426
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0434
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0434
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4^6 L E T T E R g

buono e pieno di ottimi ed utili avvedi*
menti, e mi pare che e in quello e in al-
tri simili componimenti mostriate un ta-
lento non tanto ben disposto alla poesia,
quanto atto e ben illumìnato a trattar le
saccende pubbliche. Se mi lascieranrio re-
spirare neli’imminente villeggiatura, ripiglie-
rò Taltre vostre passate lettere ; e quella
che soramamente mi piacque sulla cogni-
zione dell’arte della guerra, che avete tro-
vato in Virgilio. Di questa ultima per ades-
so vi dico , che la prosa che avete messo
avanti a quell’epistola è molto bella. Avrei
molte cose da suggerirvi di più sul com-
mercio, che non pare fosse tanto coltiva-
to dai Romani ; ma forse voi non vi siete
disteso molto su questo per tenervi breve ;
nè io ho tempo di dirvi adesso le cose ,
oìie sopra questo mi sono passate per la
mente nel leggere il vostro scritto . Solo
adesso vi voglio far sovvenire un bel Iuo-
go di Senofonte nel settimo della Girope-
dia. Se mai discorrete del commercio, nel
quale uno de’gran capi sono le manifattu-
re, non vi scordate di un tal passo. Cre-
so fatto prigione da Ciro, tra le altre ra-

gioni
loading ...