Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 19
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0027
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0027
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inèoite. ìc|

lio Cesare> che andò e vide prima di vìn^
cere> ed egii vinse senza coìà portarsi con
la persona, e mirarli in faccia ? Si ha da
latini autori, e spezialmente dal nostro Li-
vio l’imbellis adoperato in tale senso , e
come armatunt annum agere volea dire che
si era stato tutto i’anno ia sulharmi, cosi
agere antium imbellem, che lo si avea sem-
pre passato in pace . Chi sa che questo pu-
re non sia iÌ primo originario significato
di cotal voce , che poi sia stata tradotta
a signifìcar debole ed impotente , mentre
se la causa va sempre innanzi all’effetto
suo, per riconoscere un uomo se siasi fie-
vole e codardo , ne avrà dovuta esser Ia
previa prova i’essersi trovato inetto o re-
stio a battagliare . Spezialmente ne’ primi
tempi delle nazionì non incivilite > appo
le quali tutto iì merito dels uorao consi-
stea nelìa forza , ed il nome or sì sagfo
ed amabila della virtù nel greco e nel ia-
tino idioma non altro enunziava > che robu-
stezza e valore.

Ciò premesso veggo appianarmisi la stra-
da ad avanzar quello , ch’ io sento su tai
questione in apparenza leggiera, non trat*

B % tan»
loading ...