Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 27
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0035
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0035
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .

27

Hanc olim veteres vitam coluere Sabinì,
Hanc Remus et frater, sic fortis Etruria crevit,
Scilicet et rerum facta est puldierrima Roma,
Septemcjue una sibi muro circumdedit arces .

Io non so vedere qual nicchia aver potes-
sero in detti versi Serrano e Cincinnato ed
altri , senza sconciarne l'energica rapidità
e la grandiosa magnificenza , quando appe-
na potè allogarvisi lo sfuggevol nome de’
due stessi fondatori di Roma fatti già Dei.
Se non che e Cincinnato e Serrano ed al-
tri, fra quali Catoue promosso al consola-
to e alla censura, mensre stava col zappo-
ne in mano pastinando iì terreno per pian-
tar salici, restano virtualmente inchiusi iu
quella espressione :

Scilicet et rerum facta est pulcherrima Roma ec.

Cioè che quella gran Roma , che esisteva
all’età di Augusto e sua, tutto dovea, co-
me a madre e a nutrice , all’agricoltura :
non menzionandovisi pur ivi alcuno de’ Sa-
bini e degli Etruschi , ma le nazioni in
genere che trassero ìa loro gloria e grandez-
za dalla felice coltura del lor terreno natio .

Yir-
loading ...