Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 29
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0037
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0037
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
IjSTEDITE»

a recarne gli inviti alla Curia ? Oual rna-
raviglia cbe in qualclie subita emergenza
in luogo d’ invito , siasi recata la nuova
dell’ elezione d’ alcun di loro in qualche
importante carica civile , o rnilitare , e che
repente deposto iì sajo indossassero la to-
ga , tenuta ivi pronta all’ uopo ed appesa
all’ appiccatojo ; corae fosse per essi tutta
una cosa con avvicendata apparenza la fal»
ce, o la spada , il governo della propria fa-
miglia, o della patria, che non era per lo-
ro che una famiglia pìù dilatata ? Tutto
ciò ella lo sa al par di me ^ non dirò me-
glio , che in quello che ò storica verità
non vi hapiù, o meno ; ma dovetti ridir-
glielo per servire alla mia causa, nè sagri-
fìcare un dovere ad un’ uffìziosità. Dovrà
pur sofferire ch’io le ripeta che a que’tem*
pi di prisca virtù il nome d’ottimo colti-
vatore e di ottimo cittaaino era un sino-
nimo : che il premio a chi si fosse segna-
lato inguerra, od in pace era tanto di ter-
reno, quanto lavorar in un giorno se ne
potea ; che le tribù rustiche erano preferi*
te all’urbane; che le famiglie più illustri
si recavano a gloria di trarrie i cognomi
loading ...