Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 31
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0039
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0039
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E B I ' T E . 3i

il suLito passaggio dall’aratro al consolato,
e alta dittatura fosse cosa osservabile, per-
chè osservata dagli storici e dagli scrittori
de re rustica, che la tramandarono sino a
noi. Acì ogni modo seguito ad opinare noa
doversi riprendere, ma sibbene commen-
dare il giudizioso poeta, se non ne fece
menzione. Riflettasi che qui si tratta e si
canta della vita rustica come produttrice
feconda di popolazione di ricchezza di fe-
licità nazionale, ma volendo rivolgersi ad
esaltarla percjiè uomini per civile e mili-
tar merito rinomati la esercitarono, la lo-
de di attiva dìverrebbe passiva, e di diret-
ta riverberata ; il che contrapponsi all’inten-
zione del poeta, e allo scopo dell’argo-
mento . Leggasi il lnogo intero, e si vedrà
chiaramente volersi colà lodata l’agricoltu-
ra non perchè essa ne tragga pregio da
chi ìa professa , ma perchè a loro ne ap-
porta , dovendo ad essa le città e le pro-
vincìe non meno i presid] e i comodi del-
la vita privata, di quello che il nerbo e la
■ssoridezza degli stati , come ali’arte che
tutte i’altre potenzialmente racchiude innaf-
fia alimenta ; che rigenera Fopuìenza la

Più
loading ...