Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 33
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0041
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0041
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E. B I T E . 33

qu© ìin capovolgere La proposizione e far
divenir causa quello ch’ è effetEo, se vo-
gìia magniHcarsi una professione dalla no-
biìtà de’cultori suoi , anzi che que,sti da
essa ; a un dipresso come se propostosi il
tema che la poesia consagra aH’immortali-
tà i nomi di quelli. che vi si dedicano ,
n’uscissi fuori con l’elogio del suo grande
Federigo, che non isdegnò d'applicarvisi e
dettar versi, ne’quali la dottrina, e l’ele-
ganza fanno a gara del primo onore . Se-
gni pure l’imperador della Gina coll’argen-
teo aratro ogni anno un solco o due, ciò
facendosi da quel monarca per annobilire
un’arte colà creduta d’abbisognarne ; quand’
essa riguardasi qui sott’ altro aspetto , cioè
sì ripiena d’essenzial merito da trasfonder-
ne non solo negl’individui, ma nell’intere
popolazioni.

Fson più, che cinguettai anche di trop-
po su d’ ua silenzio. Queste mie conghiet-
ture destate dall’aniraatore comando di lei
ritornino al rispettato suo tribunale ; e se
mi darà il torto , non vorrò certamente
avere il secondo col sostenerle.

To: XIV.

C
loading ...