Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 40
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0048
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0048
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile


L E T T » & E

D E L CONTE

ALGAROTTI

II.

Berlino 5o. del iy5o.

C^jhe dirà Ella della tardanza mia in ri-
spondere allà lettera sua piena di tanta
amicizia per me, e accompagnata da una
canzone , in cui non so se più risplenda
la facoltà sua poetica, o la stessa sua ami-
cizia per me? Queìlo che eila dirà nol so :
so io bene, cìie la ragione delia mia tar-
danza in risponderle è stata il non saper
io come risponderle. Bis conatus eram s
bis cecidere manus. Finalmente mi son pur
risoluto di scriverle cosi alla buona, che
nè più bella canzone ho veduto io mai,
nè lettera più gentile ; e che Fobbligo mio
è uguale alla bellezza della sua prosa e
de'’ suoi versi . O amabilissimo nella com-
pagnià degli amabili, perchè non posso io

ÌE~
loading ...