Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 49
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0057
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0057
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Jnebite,

49

DEL MEDESIMO
V.

SOPRA LO SCRIVERE IN ALTRE LINGUE
CHE LA PR.OPIÌIA (l).

Dalle cose gentili ch’ella mi dice sulla
mia lettera francese al R.e (2) ben ho di
che confermarmi nella opinione , che io
aveva di già , ch’ella sia l’uomo il più
gentile non dirò della Compagnia, ma del
mondo. Se non che, sapendo quanto eììa
è pur sincera , ho anche di che compia-
cermi sommamente, che quella mia lette»
ra non abbia dispiaciuto a lei dotto sermo-
nes utriusque linguce. lo le confesso, che
con tutto che mi debba oggimai esser fa-

mi-

(1) Questo stesso argomento è stato trattato
dal nostro autore nel tomo quarto .

(2) In fronte de’ Dìaloglii su l' Ottica Neu-
tonìana .

To; XIY.

D
loading ...