Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 57
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0065
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0065
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ÌNEDJTEe l

DEL MEDESIMO

VI.

Berlino 26. giugno iy5o.

N N mihi si centum linguce sint, sarebbe
dato di rispondere, corae pur vorrei, alle
gentilissime lettere del mio onoratissimo
Bettinelli . Semper honos nomenque tuum
ec. : che se nol dovessi per la tanta virtù
sua, sì il dovrei per gratitudine . Ella m’
inanimisce a seguir la mia impresa di scri-
ver lettère che vagliano la pena di esser
lette ; e certo questo è il più dolce sprone
che io aver mai possa. Ne ho già da 3o.
a 4°. di scritte, ed ho materia per altret-
tante . Aspettava pure di vedere , che si
dicesse costà di quel saggio mandatole già,
e diretto a lei, per vedere se fosse il pre-
gio dell’opera a proseguire. Ma ella è ben
sicura di quelìo si dirà del suo poema ;
che certo, da quanto ne vidi già due an»

ni
loading ...