Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 71
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0079
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0079
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N £* D I T E i

1l

D E L C O N T E

ALGAROTTI

Xc

Berlino 5. dicembre iy5o.

» Tra i brevi giórni e tra V eterne nevia.

Io le debbo quantum hominem hominì de-
bere fas est. Eiia ha versato sopra di me
tutto Ippocrene > o per meglio dire } eila
mi ha reso tutto scintillaute di luee febea >
ed ha fatto l’apoteosi del stio ammiratore,
di uno che pur vorrebbe poggiar seco ; ma
che piglia il monte a più. ìieve salita. Ch©
debbo io dirie? Scepe ego tentavi di rispon-
derle in versi ; ma Cynthius aurem vellit <,
et admonuit. Puceva adunque ii vivissimo
sentimento dell’animo mio in luogo di ver-
si e di prosa. Ben ìe dirò che al mio ri-
torno in Italia io farò un pellegrinaggio al-
le boscaglie del suo Busseto > e verrò a cer»
care >

E 4 Qual
loading ...