Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 79
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0087
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0087
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I >T E D r T E JQ

tomo è per ancora sull’incude,, e yi sarà
ancora per qualche tempo , II mio Orazio
aures vellit ei admorunt ; massimamente
chi vuole avere per ìettore rin Bettinelli.
Ella non dirà già che io a questa volta
le abbia scritto una ietteruzza . Ma ella
me ne punisca con una più lunga . Possi-
biìe che l’anime di Gatullo, di Cotta, di
Fracastoro non le abbiano ispirato sul lago
a escire in qualche bella operetta ? Non
ìne ne sia avaro, se le Muse le sieno sem-
pre cortesi del favor ìoro . Ma soprattutto
ella mi ami , e mi creda pieno di quella
stima ed amicizia, che meritano il suo va*
lore e la tanta sua gentilezza.
loading ...