Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 84
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0092
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0092
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
84 L E T T E n E

rei ogni cosa che fusse , fuor che ii far
versi, che da ora innanzi non ini ci pro-
vo più . Per appunto meno mi ci proverò,
quando avrò veduto i vostri ; e spero pur
vederli quanto prima , dacchè ii venturo
mese, o il mese di setterabre al più tar-
di, io piglierò le mosse per l’Italia , e si
vi do parola di venire a veciervi aParma.
Ghe è ciò che il mio Bettinelli parla di
mal di petto? Dio non, vuole ch’egii met-
ta le persone in inferao colle sue predi-
che , ma bene in paradiso co’suoi versi .
Non che un tomo , ben temo di recarve-
ne in Italia due ; ma faremo che sieno
meno voluminosi che è possibile . Guai a
chi troppo scrive ! ed è buon tempo ch’io
studio Parte del cancellare. Ma per le co-
se vostre l’è un altro che . Scrivete pure,
e non iscriverete mai abbastanza. Lo stes-
so fìa dello amare chi ama , e onora voi
senza fine.
loading ...