Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 90
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0098
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0098
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
go L E T T E R E

Berlino alcuni scartafacci cosl di verso , co-
me diprosa, con animo di stamparli. Ma
ci vuol salute anche per questa sorta di
stampe. Le mando un saggio di versi fat-
ti già per un principe (1), a cui elia pia-
cque tanto, acciocchè elia e ii sig. abate
Frugoni, ai quale ia prego confermare quan-
ta sia l’ammirazion mia, me ne dicano ii
loro parere . 3Non vorrei clover dire del
niio libretto qucesivic lucem , ingemuitque re-
pertd, conie si potrebbe dire di tanti. Io
non so qual si fosse l’ingegno di Gassio
parmigiano ; so bene che nella copia de-
gli opuscoli non lo vincerò mai, capsis quem
sama est esse librisque ambustus propriis :
ch’ eìia sa che per fare un piccioìo libret-
tino ci sto su lungo tempo. Da cjuesti ver-
si, che io le mando, vorrei trarne una lun-
ga usura ; e già in questa mia convaiescen-
za io potrò gustare i più dolcì frutti delF
Italia . Eìia adunque non me ne sia ava-
ro, e vi accompagni qualche cosa del Fru-
goni

Spirante eterno chiabreresco odore.

So-

(i) II Doge Grimani.
loading ...