Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 93
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0101
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0101
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E B I T E » gS

e Favrei forse confortat.a almen con la com-
pagnia del male medesimo (a cui soggiac-
cio da tre anni con poco ajuto di medici-
ne ) ancor di polenta ; oh cfse io ìasciava
Genova da un canto ! In soraraa ella m’ha
fatto rnille torti , La sua venuta a Parma
riparerebbe tutto, almeno più certe novel»
ìe deì suo iuigìioramento , del suo stato ,
di sua partenza , e qualche maggicr copia
di sciolti, che più sempre bramo , quanto
più belli e rarì ed unici, come l’ultimo , gli
trovo. Non si potrebbe egli lasciarne a me
sei otto quattro, perchè si potesse con es-
sl tentare il gusto del pubblico? Emmi iit-
to nell’animo questo pensiero, che per be-
ne di questi e d’ altri giovanì nostri, che
alla buona poesia mirano, si potrebbe stam-
pare unitamente un saggio di sciolti, sic-
come a raio parere gli ottirni per la otti-
ma poetica educazione. Frugoni, Algarotti
e così di soppiatto Bettinelli formerebbono
questo libretto . Se ella consente, in quest5
anno usciranno, e di buona impressione e
senza alcun suo pensiero . Forse io ardisco
di volere sfiorare la sua edizione . Se eìla
l’ha in pronto, nol voglio, ma se un se*

colo
loading ...