Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 114
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0122
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0122
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

114

DEL MEDESIMO

XXYL

Parma 2.5. novembre ij5^.

X_je nuove certe che di lei m’ ha recate
il padre Malossi, e più i cari saluti m’ han-
no pagato al fine d’ una lunga sollecitudi-
ne , e dell’afsetto con cui di lei ho sem-
pre parlato, e richiesto moltissimi. A R.o-
ma intesi le prime nuove sinistre, e sino-
ra sono vissuto in timore e in incertezza.
Anche l’ultimo corriere ha portata una
mia scrittale a Yenezia . Infìne son fuori
d’ afsanno, e posso mille volte rallegrarmi,
siccome fo, del suo stato di salute, della
vita medica, della riacquistata libertà. Yoi
siete adunque nostro, voi siete Italiano ,
e i voti di tanti amici e de’ veri Italiani
sono esauditi. Siane lode a Dio, qui fait
lout pour le mieux, diceva al maresciallo
d’ Hocquincourt il padre Canaye . lo sarei

di-
loading ...