Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 115
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0123
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0123
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 1 1 5

disposto col padre Canaye alle più tenere
esciamazioni e divote verso la provvidenza,
che tutto questo ha fatto pour vous mettre
entre nos mains. Certo io ne sono lietissi-
mo, tanto più che spero non esser questo
avvenuto a danno suo, ed esser venuto me-
no il motivo, cioè il male, che troppo ci
avrebbe fatto costare questa dimora . Spe-
ro che non mi negherà quaìche notizia
più certa intorno a questo, di che viva-
mente lo prego , almeno per altrui mano
scrivendomi . Se con esso le notizie mi
mandasse d’ un verso sciolto nuovo, o dis-
sertazioncella, e molto più qualche tomet-
to già stampato di que’ che aspetto sì cu-
pidamente, nulla avrei più che desiderare.
Qual miglior circostanza per fare una edi»
zione, che quelìa d’aver la stampa del se-
minario d’ appresso, tanti uomini ainici e
dotti prontissimi, un ozio di convalescen»
za, e i desiderj della patria a promuover-
ìa . Io Ie potrei dire inoltre d’ averne ac-
cesi ben mille a Napoli, a Roma, in Tosca-
na e da per tutto . In Germania non son
andato , anche perchè sentiva ch’ ella qui
rimaneva. Ho fatte alcune poesie di viag-

H a gio,
loading ...