Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 116
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0124
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0124
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
1x6 Lettere

gio , che le manderò ma per coilipenso
unicamente de’ doni suoi, Sono addosso a
una nuova tragedia per ubbidire l’Infante;
ma soprattutto sono sollecito di saper di
lei, e di poterle spesso ridire che io sono
senza modo , nè £ne ,

•k 0^0*0*0*G*0^0*0*0 ★ O'&OV'tO'ìfc'

DEL CO NT E

ALGAROTTI

XXYIL

Padova 20. novembre 1 qSsi

Che dirà il padre Bettineììi della raia,
non so come chiamarla, sepigrizia, trascu-
ratezza, o aìtro nel rispondere alle sue due
gentilissime lettere ? Io mi coprirò con l’au*
torità di un grand’uomo francese, che di-
ceva : Pt quì manqueroii-on, si on ne man-
quoù pas à ses amis ? Habes confitentem
reum; nè io dubito deìFassoluzione da ua

così
loading ...