Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 119
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0127
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0127
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
InÉDÌTEo i i§

D E LL’ A B A T E

BETTINELLl

XXVIII.

Parma 10. dicembre

S i n che la sua lettera è ita per molté
mani in testimonio ch’ella è vivo uomo j é
italiano colono, io non ho potuto replica-
re secondo il mio desiderio , e m’ è con-
venuto ìasciar gli altri compiere il loro .
Ed oh come ognuno è stato di queste du©
care novelle consolato ! Le ne facciam tut-
ti festoso applauso, e molte grazie le dia-
ino della speranza in che ci inette di ri~
vederla . A quel tempo riserbole i nuovi
miei versi ; ma non a quello aspetto i suoi
Discorsi, che mi pare mille anni l’aspettar-
gli ancora un poco. Non li travagli trop-
po , non gli anatomizzi tanto , non tragga
loro il sangue a forza di lisciarli . Si fidi
a me, che parlo non permiasolo , ma per

H 4 seEt~
loading ...