Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 121
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0129
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0129
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
N E P I T E

121

DEL CONTE

ALGAROTTI

XXIX.

Venezia 28. dicembre

JParte oggi da Yenezia e se ne va a Par-
ma il signor abate di Bernis seguito dalìe
Grazie e dalle Muse (1). Le sue gli ande-
ranno certamente incontro. lo gli ho det-
to quanto ella sia amabile , e quanto le
Camene le abbiano conceduto il molle at-
(jue facetum, tanto in francese, quanto in
italiano. La prego vederlo anche per me.
II miglior tempo del carnovale io contava
di passarlo in casa sua. Ma ella è ben più
degno di tal compagnia. La più amabile
nazione del mondo non può esser rneglio
rappresentata, che da ìui : spirito cognizio-

ni

(1) Àllora aiubasciador di Francìa a Yene-
da, poi cardinale ec.
loading ...