Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 122
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0130
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0130
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
122

L E T T F, R E

ni gentilezza saviezza giudizio generosità
gusto virtù , ogni cosa è iri lui . Ella ve-
drà che non sono tropp’oso nel mio dire *
lo felicito Parma, che lo possederà per qual-
che tempoi Ella ne goda e mi creda.

* 0 + 0*0 * O * 0*0*

D E LL' A B A T E

BETTINELLI

XXX.

Parma 14. àél 1 yBS.

ISJ o n potei vedere mons. de Bernis F al-
tro spaccio, pérò non le scrissi. Hoìlo vé-
duto: utvìcli s ut perii! Egli è qual ella il
dipinge ; ed io son partito daVenezia? Ch©
serviva esservi con mons. de Montaigu, s
partirne al venire di mons. deBernis? Co-
sì va. Ben le debbo grandemente dell’ uf-
lizio a- mio favor satto con quetto amabil
ministro non raen della Francia, che della

Mu-
loading ...