Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 129
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0137
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0137
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite.

129

D E L C O N T E

ALGAROTTI

XXXIII.

Venezia 12. marzo iy56.

eccàvi , Domine, habes confuentem reurn.
Com’è mai possibile, che io sia stato così
lungo tempo a rispondere alla gentilissima
ietsera sua ? Ma ella vorrà pure assoìver-
mene; e per quelle stesse ragioni, per le
quali io non ardirei domandarle Fassoluzio-
ne, come troppo frivole allato ad ognì sor-
ta di dovere. Infìne io le rendo le più vi*
ve grazie di tanti e tanti favori. Dal pa«
dre Belgrado ho ricevuto una lettera gen-
tiìissìma , a cui non rispondo finalmente
che oggi. Io son pieno veramente di col-
pe. Dal Brazolo ho avuto promesse , ma
non per ancora il canto d’Omero. Fra po*
chi giorni io farò una gita a Padova , ed
ella lo avrà in qualunque modo . Se io
To; XIV. ' I

non
loading ...