Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 141
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0149
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0149
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite, 14.1

les arts, et V admiration que je dois à ceux ,
cjui comme mons. Aìgarotti en parlent si
bien , je sitis fort aise de Vavoir recu , et
bien flaltè sans avoir Yhonneur d’étre con-
nu de lui, d’ étre pour quelcjue chose dans
son idée. Je le remercie ec.

Questi sentimenti vengono da un coltis»
simo intelletto, com’ella sa, da un Inten-
dente dalla nostra eorte e dal Parnasso
egualmente favorito, e da pochi gìorni in
qua elevato al carico di ministro delle ix-
nanze. Dopo ciò penso che ella debba af-
frettare il suo dono ai Sovrani, e supplire
frattanto agli errori di stampa con la pen-
na, o con la ristampa d’alcun foglio, che
Bologna può fare almen quanto Yenezia in
questo caso .

Piallegromi meco stesso delle buone nuo-
ve, che sento di lei dall’inclito Fabri no-
stro , e cara non men che a lui m’ è la
speranza 'di vederla più lungamente che
non isperavamo vicino a noi.
loading ...