Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 153
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0161
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0161
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite» l53

Yiaggk) di Parma , dove , assai più che la
corte e la commedia francese, m’invitano
i Frugoni e i Bettinelli. Questa guerra ha
rotto tutti i miei disegni, Io me la fo con.
leMuse, e co’ Papaìini perfettainente neu-
trali. Io yegg° spessissimo il padre Piober-
ti. Egli è prossimo a voi nella gentilezza
e nella dottrina . A1 Frugoni mandai tem-
po fa una mia epistola diretta a Yoltaire.
Voi già la vedeste a Venezia. Se ci fosse
ecsa che non vi piacesse , vedrò di rimu-
tarla : e allora solamente mi parrà bella 3
che a voi non dispiacerà. Scrivetemi qual-
che cosa ; e non temete che io sia più co-
sì tardo a rispondere. Ma sopra tutto com-
piangetemi di esservi cosi vicino , e non,
vi potere vedere e udire . Pregovi voler
incamminare le due inchiuse per mezzo di
cotesto sig. conte di Rpchechoùart, a cuì
faccio inilìe comp.lime.nti. Mi conhdo nel-
la bontà sua , ch’ egli vorrà permettermi
di far venire co’suoi corrieri un libricciuo-
ìino da Parigi . Scrivo a Prault, che lo,
faccia consegnare a l’ liùt.el lìochechoiiart
aParigi. II libriccino è il Congresso di Ci-
tera, che dovrebbe ora mai essere stampa-

to,
loading ...