Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 161
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0169
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0169
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite., 161

tanto si parla di voi, e si mormora infìne .
Forse il vostro libro v’aspetta in mezzo a9
Francesi per comparirvi dinnanzi . Mons.
Prault scriveva a mons. Brochier nostro se-
gretario d’ambasciata, che il plico avea da-
to a un architetto che movea per Italia ,
e ciò scrisse aver fatto prima d’ avere da
mons. Brochier la inchiesta per me fattagli
di mandar per tal’ altra via il libro, e per
quella venuto sarebbe in otto giorni. Dun-
que aspettavasi l’architetto. Nulla n’è sta-
to. A Torino ci fu detto aspettarsi. Feci
scrivere tosto a mons. d’Arnaùd segretario
del com. di Chauvelin . Egli rispose che
sino allora di lui, nè di nuovo ospite di
Parigi venuto niente non avea discoperto,
e che veglierebbe attento. lo dunque pen-
so che ii libretto sia desso, che a Bologna
venir non voglia e spacciarvi le sue dottri-
ne, e forse far torto al suo genitore. Yoi
saprete che sia, voi che l’avete scritto ,
e che a Bologna stucliate ancora nuove dot-
trine. Oh vi so dire che la lettera già set-
te anni (x) promessami, e uscita or ora dal-
To: XIY. L le

(i) Quella su io scrivere nella propria lingua
® nelle forestiere .
loading ...