Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 173
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0181
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0181
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
InEDITE. l’j'S

nostro Frugoni. A voi tocca rispondere per
le rime . Avete bisogno di siviglia? N’ ho
avuto dell’ottima di Spagna ? e a miglior
prezzo dell’altra, ma non ad aìtri che a
voi la darei volentieri.

P. S. Ricevo la vostra in buon punto .
II tabacco vi farò dunque a prima occasio-
ne tenere . E alquanto diverso da quello
che aveste, ma ottimo nondimeno. Yoi lo
saggerete. Fatemi poi risposta sopra le det-
te cose qua innanzi.

S O JY E T T O .

La sveca ombra di Carlo, allor che bruna
Notte sedea su Ie guerriere tende,

AI Prusso apparve e disse: Or tutte aduna
Le tue falangi, e sveglia l’ire orrende :

E, fin che arride a te l’ora opportuna,

Usa l’ardir , donde 1 tuo scampo pende ;

De l’armi la volubile fortuna

Sai come può mutar tempi e vicende.

Fa ch’ io riviva in te ; veggo vicine

Vittorie ilìustri, veggo schiere oppresse ,

E regni invoìti nelle lor ruine.

Va, porta intorno omai terrore e scempio ....
Sparve, nè dire osò com’ ei cadesse
Dei troppo audaci re misero esempia.
loading ...