Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 182
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0190
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0190
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

1 82

I) E L C O N T E

ALGAROTTI

LVII.

Bologna 16. oltobre 1 y58.

Pochi giorni fa ricevetti da Genova per
la via di Venezia ramabilissima lettera vo-
stra con tanti segni di amicizia e di cor-
tesia, chenullapiù. Prima di ogni cosa vi
ringrazio senza fme., che voi vogliate esse-
re in cotesto splendore di Parigi prcecolau*
dum mearum „ E mi piace sominamente
dovere a voi la traduzione del Congresso
di Citera . Ma che dovrò io dire all’ama-
biiissima mìa traduttrice? C’est bien le cas,
que l’auteur doit étre d genoux devant son,
traducteur : le dirò io con più giusta ragio-
ne, che non disse Fontenelle al conte Al-
bani quando tradusse i suoi Mondi. Par-
lale tu per me ; e le direte tutto queilo
ohe io sento . Sino ad ora , non sapendo

io
loading ...