Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 14): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-14]

Seite: 192
DOI Seite: 10.11588/diglit.28092#0200
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd14/0200
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
iga Letteee

una briga , nella quale m’ involgevano , e
dove in realtà io non doveva entrare per
nìente. Ciò fatto, nulla più rni resta da fa-
re. Se a lei pare che io abbia fatto trop-
po , consideri, che troppo ancora mi clo-
vea increscere di vedermi per li pensamen-
ti e per le opìnioni altrui bersaglio alla
critica, e al furor letterato. Ma ben vor-
rel ora poter far quello, clie mi piacereb-
be il più; ringraziarla bastantemente clelìe
cose gentili, di cui è sparsa la lettera sua .
Ciò che ella ha scritto così altamente di
ne , mi dee pure far sede di ciò, che el-
la ha detto e dice in favor mio . Si assi-
curi, che la mia gratitudine, per Fouore
che mi viene da’ savorevoli suoì giudizj ,
sarà sempre eguale al pregio, in che io
tengo la singolare sua dottrina ed il raro
suo ingegno . La continuazione delìa sua
amicizia sarà un obbligo per me , che io
desidero sommamente di averìe ; corae de-
sidero una quaìche occasione , onde mo-
strarle con l’opera lastima, ccn cui mi do
Fonore di rafsermarmi.
loading ...